ARTE & CULTURA

Vittorio Messina: a Caserta con la mostra “In un certo senso infinito”

Vittorio Messina

Dallo scorso 25 marzo alcune delle più celebri opere di Vittorio Messina sono esposte nella Galleria Nicola Pedana in piazza Matteotti 60 a Caserta. La mostra, intitolata In un certo senso infinito, è curata da Marco Tonelli e resterà aperta fino al 22 maggio. Una bella occasione per conoscere i lavori dell’artista siciliano.

vittorio messina

In un certo senso infinito

Provocazione: è questa una delle principali sensazioni che si percepiscono nelle opere del Messina esposte a Caserta. Lo stesso Tonelli ha dichiarato che «In un certo senso infinito non vuole essere solo un titolo. Vuole essere una provocazione, un qualcosa che stuzzichi curiosità, domande».
D’altronde Vittorio Messina è un’artista che ama sperimentare e sfidare i concetti più basilari dell’arte moderna. Un’arte che si basa, secondo Tonelli, sulla ricerca della sua stessa essenza. E la provocazione sembra essere il mezzo espressivo più usato dall’artista. Le sue opere stimolano una profonda riflessione sui modelli utilizzati, che non seguono i soliti canoni. E fanno leva sul proprio contenuto interrogativo, amplificando l’esperienza del visitatore.

L’arte di Vittorio Messina

Formatosi a Roma presso l’Accademia di Belle Arti, Vittorio Messina esordisce nel 1978 nello spazio di Sant’Agata dei Goti. Non stiamo parlando del comune beneventano, ma di uno spazio espositivo, sempre a Roma, riservato ai giovani artisti. Qui si fece conoscere al pubblico con la mostra La muraglia cinese, incentrata sul testo omonimo di Kafka.
Inizialmente si dedicò all’archiscultura, focalizzandosi soprattutto nella realizzazione di opere che esaltassero il rapporto tra l’uomo e l’edilizia urbana. Con il passare degli anni tematiche ambientali e sociali hanno plasmato lo stile dell’artista, con l’utilizzo di materiali urbani a caratterizzare le sue installazioni. Molto significativa, in questo senso, è la mostra tenutasi ad Halifax nel 1999 intitolata A Village and its Surroundings.

Vittorio Messina
In diverse sue opere è forte il richiamo a Werner Heisenberg, fondatore della meccanica quantistica e del Principio di indeterminazione. La sua filosofia della precarietà e dell’incompiutezza ha influenzato, nel corso degli anni, più volte l’arte del Messina.

Per maggiori informazioni sulla mostra si rimanda al sito della Galleria Nicola Pedana

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

Vittorio Messina: a Caserta con la mostra “In un certo senso infinito” ultima modifica: 2017-04-08T15:26:07+00:00 da Gabriele Roberti

Commenti

commenti

To Top