PERSONAGGI SPORT

Attilio Lombardo entra nello staff di Mancini in Nazionale

Attilio Lombardo vice allenatore di Mihajlovic al Torino

Grande soddisfazione per il casertano Attilio Lombardo, ex calciatore di Sampdoria e Juventus, che entra nello staff della Nazionale con il ruolo di assistente tecnico. Un bel traguardo per l’ex ala destra nativa di Santa Maria la Fossa, che ha ricevuto un bell’attestato di stima da parte del ct Roberto Mancini, con cui Attilio ha giocato e collaborato in passato.

Dalla gavetta ai successi con la Samp

Il 6 gennaio Attilio Lombardo ha compiuto 53 anni e, con due mesi di ritardo, ha ricevuto un graditissimo regalo dall’amico Roberto Mancini. È stato nominato, infatti, assistente tecnico della nazionale Italiana. D’altronde chi conosce il ragazzo di Santa Maria la Fossa è difficile non riconoscergli l’attitudine al lavoro e al sacrificio. Queste sue grandi virtù gli hanno permesso di avere una brillante carriera da calciatore pur non avendo caratteristiche tecniche sopraffine.

Attilio Lombardo con la maglia della Sampdoria

Attilio Lombardo esulta dopo un goal in maglia blucerchiata. Fonte: wikipedia

Attilio Lombardo ha avuto il merito di aspettare il suo momento partendo dal basso. Muove i primi passi nel mondo professionistico in C2 col Pergocrema, per poi passare in B alla Cremonese. La sua grande integrità, che lo porterà, in futuro, a giocare 144 partite consecutive, e le sgroppate sulla fascia destra, lo porteranno ad essere notato dalla Sampdoria, di cui diventerà un pilastro. A Genova, infatti, il giocatore vince l’unico scudetto della storia blucerchiata, tre volte la Supercoppa nazionali, due volte la Coppa Italia (in quella del 1994-95 fu capocannoniere con 5 reti) e la Coppa delle Coppe. È anche tra i delusi della finale di Coppa dei Campioni persa a Londra, ai supplementari con il Barcellona. In quella partita Popeye (così soprannominato per la somiglianza con il personaggio creato dalla penna di Elzie Crisler Segar) fu tra i migliori in campo.

La Juventus, la Lazio e la nuova carriera nello staff di Mancini

I sei anni splendidi alla Sampdoria regalano ad Attilio Lombardo le attenzioni della Juventus. A Torino il ragazzo riesce rifarsi dell’amarezza di Londra, vincendo la coppa dalle grandi orecchie nel 1995-96. In questa esperienza può vantare, inoltre la vittoria della Coppa Intercontinentale, una Supercoppa UEFA e uno scudetto. Dopo l’esperienza in bianconero, Lombardo viaggiò oltre la Manica per approdare al Crystal Palace, dove per un periodo svolse il compito di allenatore-giocatore, figura in voga in Inghilterra, che ha visto come protagonista anche Gianluca Vialli al Chelsea. Al ritorno in Italia, diventa protagonista anche alla Lazio, dove vince il campionato e piazzandosi tra gli unici cinque calciatori ad aver vinto lo scudetto con tre società differenti (gli altri sono  Giovanni Ferrari, Sergio Gori, Pietro Fanna e Aldo Serena). Con le aquile Lombardo vince anche una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana e una Supercoppa Europea, oltre alla Coppa delle Coppe 1998-99. Al termine dell’esperienza laziale torna alla Samp in serie B e qui chiude la carriera nel 2001-2002.

Attilio Lombardo con la maglia della Juventus

Attilio Lombardo con la maglia della Juventus. Fonte: Il pallone racconta

Attilio Lombardo vanta anche diciotto presenze in Nazionale tra il 1990 e il 1997. Purtroppo, però, non viene convocato a né ai Mondiali del 1994 e del 1998, né agli agli Europei del 1992 e del 1996. E adesso, dopo le piccole esperienze come allenatore e collaboratore di Mancini nei club allenati dal suo ex compagno di squadra, oltre che come vice di Sinisa Mihajlovic, spera di rifarsi e diventare un protagonista della rinascita della nazionale italiana. Sempre al fianco del suo numero dieci.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.

Attilio Lombardo entra nello staff di Mancini in Nazionale ultima modifica: 2019-03-28T10:37:27+02:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top