SPORT

Lo spettro del fallimento sulla Juvecaserta

il palamaggiò durante una partita della Juvecaserta

Motivo di vanto e d’orgoglio per migliaia di casertani, la Juvecaserta sta vivendo in questi mesi forse il suo periodo più buio. Esclusa per problemi di natura economica dal campionato 2017-2018, ad oggi il futuro della società sembra incerto tanto da aleggiare lo spettro del fallimento su di essa. Molte sono le questioni – più che delicate – da risolvere, ma negli ultimi giorni sembra esser tornata la speranza per il basket casertano.

Un anno senza il grande basket

Era il 5 maggio 2017 quando i supporters della Juvecaserta scendevano in piazza in segno di protesta. Il motivo? La decisione della federazione di escludere la squadra dal campionato 2018. Non certo per demeriti sportivi – il team guidato da Dell’Agnello riuscì infatti a salvarsi sul campo – ma per inadempienze economiche. Troppi i debiti accumulati nel corso degli anni, e nessun grande investitore pronto a farsi carico del problema. Questo ha portato all’amara esclusione dall’attuale stagione agonistica, nonostante le tante (ed inutili) promesse della politica locale nel voler salvare i bianconeri. Sentenza confermata poi dal CONI il 26 luglio dopo un disperato ricorso da parte della società. Così, di colpo, la città di Caserta si è ritrovata orfana di uno dei suoi simboli. Ma qual è la situazione attuale?

tifosi in protesta per la Juvecaserta

La protesta dello scorso maggio

Il fallimento della Juvecaserta: la proroga del tribunale

Nelle scorse settimane la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha chiesto di avviare le procedure per il fallimento della Juvecaserta, insieme all’altra società guidata da Raffaele Iavazzi, la Caserta Città del Basket srl. La terza sezione civile del Tribunale di Santa Maria, guidata da Gianpiero Scoppa, ha però concesso ai legali della società bianconera sessanta giorni per presentare un valido piano di rientro. Fondamentale è stata la documentazione, presentata lo scorso 27 febbraio, dei bilanci relativi al biennio 2015-2017 con l’elenco dei creditori e dei rispettivi crediti. La difesa sta infatti facendo forza su alcuni introiti mai riscossi, ma inclusi dall’accusa nell’ultimo bilancio. Se i giudici accoglieranno il ricorso, si scongiurerà il fallimento. In caso contrario, le cose potrebbero farsi davvero complicate.

tifosi durante una partita della Juvecaserta

sportcasertano.it

In attesa della sentenza, la Juvecaserta ha intanto stilato un progetto sportivo per tornare tra i grandi del basket. L’obiettivo è iscriversi al prossimo campionato di serie B, e riempire nuovamente il Palamaggiò di Castel Morrone. Quest’ultimo al momento è, in verità, attualmente all’asta a causa di un’altra vecchia (e triste) vicenda: il fallimento, avvenuto nel 2004, della società Vittippi. Nel 2011 il suo valore era di 20 milioni di euro. Dopo varie sedute d’asta andate deserte, oggi è crollato a circa 5,8 milioni. Attualmente l’impianto è in mano alla Caserta Città del Basket srl, ma il suo destino è strettamente collegato alle prossime aste e vicende giudiziarie della società che gestisce il palazzetto. Non resta quindi che aspettare, sperando di rivivere un giorno – magari non troppo lontano – domeniche all’insegna dello sport e del tifo bianconero.

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

Lo spettro del fallimento sulla Juvecaserta ultima modifica: 2018-03-14T20:04:22+00:00 da Gabriele Roberti

Commenti

To Top