STORIE CASERTANE

Fall Has Come: un sogno in tour per l’Europa

I fall has come acclamati da pubblico, durante una delle tappe del tour

I Fall Has Come sono un gruppo di ragazzi casertani che inseguono con grinta e passione il sogno della musica, coltivato sin dalla tenera età. Nati nel 2014, un verso di Wacht over you degli Alter Bridge ha ispirato il nome della band. Rientranti nel genere alternative rock, attualmente sono all’attivo con ben due lavori, e non hanno alcuna voglia di fermarsi o rallentare il ritmo della loro musica.

Prima dei Fall has come

Conosciuti nel panorama musicale casertano, Enrico Bellotta (voce), Enrico Pascarella (chitarra), Raffaele Giacobbone (chitarra), Salvatore Laurella (basso) e Mirko Nastri (basso) da anni si esibiscono sul palco, riuscendo a strappare sempre applausi dal loro pubblico. Enrico Bellotta, ad esempio, ha allietato innumerevoli serate all’insegna di amicizia e pinte di birra, spaziando dall’amato rock – con cover di Jeff Buckley e Bon Jovi – a pezzi irlandesi, cover pop e altro. Un ragazzo musicalmente completo e motivato che prende parte a numerosi progetti, anche esteri, come quello dei Fireyed, band inglese dai suoni heavy metal.

I belly bluster, progetto antecedente ai Fall Has Come

I Belly Bluster, progetto antecedente ai Fall Has Come

Le sperimentazioni musicali non si fermano qui in quanto successivamente, insieme ad altri musicisti (fra cui Enrico Pascarella), fonda il gruppo Belly Bluster. Sound estremamente punk-rock, accenni folkloristici e scenografia alquanto originale sul palco (si sono esibiti spesso travestiti da pirati), i Belly Bluster conquistano rapidamente il pubblico casertano. Un progetto che termina dopo pochi anni, ma che pone le basi per una nuova avventura. Subito dopo l’intensa parentesi dei Belly Bluster, Bellotta e Pascarella decidono infatti di cimentarsi con un nuovo progetto. Legati da una profonda amicizia e passione per la musica (e con svariati anni di gavetta alle spalle), nascono così i Fall Has Come.

I tempi di Time to reborn

Il primo lavoro dei Fall Has Come, Time to reborn, accolto positivamente da critica e pubblico, ha dato vita ad un tour che ha toccato diverse tappe in Europa fra Spagna, Ucraina e Russia.

I fall has come acclamati da pubblico, durante una delle tappe del tour

I Fall Has Come in concerto

Un tour che lo stesso vocalist Bellotta ha definito «Una delle esperienze più frenetiche, appaganti, ed emozionanti che si possano vivere», raccontando di voli aerei presi più volte nello stesso giorno e di una stanchezza che non ha mai minato la loro grinta sul palco. Tutti sforzi ricompensati, come dimostrano le esibizioni insieme ad alcune band di fama mondiale: dagli Yellowcard a Mosca e San Pietroburgo, agli Evanescence, ai quali hanno aperto il concerto del 29 giugno 2017 a Bucarest. Un’esperienza che li ha messi in contatto con altre realtà, caratterizzate da generosità e ricchezza d’animo, ma anche da un background di estrema povertà, dove spesso un semplice pacchetto di sigarette ha reso felice chi si è gentilmente messo a disposizione per aiutare la band.

Nonostante il successo internazionale, tuttavia, i Fall Has Come non si sono mai montati la testa, restando sempre umili e determinati. Inoltre, tra tour e registrazioni varie, non hanno certo dimenticato la loro terra d’origine, organizzando spesso concerti e serate nel casertano.

Nowhere: ovunque e da nessuna parte

Serate come quella del 2 dicembre scorso, in cui hanno presentato il loro secondo lavoro. Uno spettacolo di quasi due ore dove grinta, anima e buona musica l’hanno fatta da padrone. Il nuovo album, Nowhere, gioca sui sentimenti di appartenenza a luoghi, contesti e affetti. Temi che si percepiscono in ogni traccia sfociando anche nella perdita degli stessi, sull’onda delle esperienze emotive dei membri del gruppo.

I fall has come acclamati da pubblico, durante una delle tappe del tour

Immagini dal tour

Subito dopo l’uscita del disco, un altro tour è partito il 12 dicembre da Kiev (Ucraina) per toccare poi, successivamente, diverse tappe europee. Tuttavia, nonostante i numerosi impegni, hanno trovato il tempo per qualche esibizione nel casertano durante le feste. Perché Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi, ed i vecchi detti valgono per tutti, anche per delle nuove stelle del rock.

 

Giulia Gelsomino

Autore: Giulia Gelsomino

Inseguitrice poco atletica di chimere, laureata in Giurisprudenza, leggo il mondo e scrivo baggianate per passione, mangio cioccolata e ingurgito serie tv. Nei miei rari contatti con la realtà, scatto foto e racconto della Caserta che amo.
In attesa di accalappiare la chimera giusta, sia chiaro.

Fall Has Come: un sogno in tour per l’Europa ultima modifica: 2018-01-05T17:22:10+00:00 da Giulia Gelsomino

Commenti

To Top