PERSONAGGI SPORT

Ferdinando Gentile e la Juvecaserta, un legame indissolubile

Ferdinando Gentile - foto Wikipedia

Se parliamo di basket a Caserta il pensiero non può non andare a quella straordinaria Phonola Juvecaserta, vincitrice dello scudetto nel 1990-91, e a Ferdinando Gentile, che recentemente è tornato a casa come coach scelto per il prossimo campionato di serie A2.

I successi del campione casertano

Ferdinando Gentile (o più comunemente Nando) è nato a Caserta il 1 gennaio del 1967. La sua storia di cestista è indissolubilmente legata ai migliori anni della squadra della sua città. Pupillo di Bogdan Tanjević, esordisce in A2 con la Indesit Caserta a soli 15 anni. Il talento è cristallino e Nando diventa centralissimo nel progetto della squadra, neopromossa in serie A1. Negli occhi degli addetti ai lavori ancora oggi è rimasta quella straordinaria partita che lo vide, nel 1983, protagonista a soli 16 anni di un’epica vittoria sul campo dei campioni di Cantù. Negli anni successivi quel ragazzino diventa un giocatore della Nazionale e trascina la sua squadra alla finale del titolo per ben tre volte. E nel 1991, sotto la guida di Franco Marcelletti, Gentile e la Phonola Juvecaserta scrivono la storia della pallacanestro italiana.

Ferdinando Gentile

La squadra di Terra di Lavoro, infatti, batte l’Olimpia Milano in finale e conquista il suo primo e unico titolo, diventando la prima squadra del sud a laurearsi campione d’Italia. L’unione di quella compagine, che vinse anche la Coppa Italia, rimase scolpita nella storia.
Lasciata Caserta, la carriera di Gentile proseguì a Trieste nella Stefanel del suo mentore Tanjević. Passa poi a Milano, con cui vince il titolo e la Coppa Italia nel 1995-96. Un grave infortunio al ginocchio condiziona la stagione seguente e lo spinge a lasciare l’Italia. Si trasferisce in Grecia al Panathinaikos, dove vince tre titoli e la sua prima Eurolega. È il punto più alto della sua carriera che, successivamente vive un declino che lo porta, con scarsi risultati a Udine, a Siena e poi in Legadue a Reggio Emilia, per poi concludere la carriera in B2 con l’Artus Maddaloni.

Ferdinando Gentile coach della nuova Juvecaserta

E la grande storia d’amore tra Ferdinando Gentile e la Juvecaserta sta per vivere un altro straordinario capitolo. L’ex cestista, ormai affermato allenatore, sarà il coach della squadra, appena ripescata in A2. La società di Terra di Lavoro, dopo il fallimento e la rinascita, vuole puntare sui suoi figli più talentuosi per ritornare nel basket che conta. Come il giornalista Sante Roperto scrive anche nella biografia di Nando, il casertano ha portato nel cuore la sua prima squadra ovunque sia andato. Ripartire da lui, infatti, significa mettersi sulla scia di quei grandi, ma ormai troppo lontani, successi.

Ferdinando Gentile

Ferdinando Gentile è il nuovo coach della Juvecaserta. Fonte: Italia2tv

E per farlo la società gli affiancherà altri due componenti dello staff made in Caserta. Ad affiancare Nando sulla panchina bianconera, infatti saranno altri due concittadini, Fabio Farina e Stefano d’Addio. Perché solo chi ha vissuto da protagonista o da spettatore i grandi fasti della Phonola, può portare quella mentalità vincente di nuovo all’ombra della Reggia.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.

Ferdinando Gentile e la Juvecaserta, un legame indissolubile ultima modifica: 2019-07-31T09:24:18+02:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top