ITINERARI MONUMENTI NATURA

Grotta dei soldati: un bel ricordo della II Guerra Mondiale

Grotta dei soldati

Tra Calvi Risorta e Rocchetta e Croce sorge la grotta dei soldati, che ha alle spalle una storia interessante. Una storia legata alla II guerra mondiale che è passata di bocca in bocca per anni, fino ad arrivare ai nostri giorni. Ebbene, in questi luoghi la memoria si conserva intatta e ciò consente di scoprire aneddoti che non avremmo mai immaginato di ascoltare, né di raccontare.

La grotta dei soldati: un rifugio sicuro

Qualche tempo fa sono stati condotti dei lavori di disboscamento che hanno riportato alla luce la grotta dei soldati, una galleria carsica che ha avuto una valenza importantissima durante la II Guerra Mondiale. In questo periodo assai burrascoso, bussarono alla porta di una vecchia masseria vicina alla grotta alcuni soldati del Meridione, in fuga dai tedeschi.

Grotta dei soldati

I contadini del posto pensarono fosse una buona idea nasconderli nella grotta, nell’attesa che arrivassero in loro aiuto gli anglo americani. Secondo quanto riportato dagli abitanti del posto, alcuni giorni dopo giunsero anche i tedeschi. Essi fissarono il proprio quartier generale proprio nella masseria che aveva poco prima accolto i soldati italiani.

Una storia di coraggio

Fu una settimana terribile: i soldati italiani erano accampati nella grotta e la loro unica speranza di sopravvivenza erano i contadini della masseria, che rischiavano la vita ogni giorno per portar loro cibo e acqua. La paura di essere scoperti dai tedeschi era tremenda! Dopo qualche giorno, essi se ne andarono e dopo circa un mese finalmente sopraggiunsero gli inglesi.

Grotta dei soldati

Prima si recarono alla masseria, dove distribuirono generi alimentari, per poi farsi condurre alla grotta ad incontrare i soldati italiani. Questi ultimi capirono che la guerra stava volgendo al termine, così poterono riprendere il cammino verso le loro case. Di loro non si ebbero più notizie per anni ed anni. Un bel giorno, però, bussarono alla porta della masseria due napoletani e due siciliani. Erano proprio quei soldati, ritornati per ringraziare i contadini che li avevano salvati dalle grinfie dei tedeschi.

Ecco una bella storia che lega il territorio casertano ai ricordi della II guerra mondiale, ricordi che il più delle volte sono terribili da rievocare, ma che in questo caso ci fanno sorridere e pensare che, anche nella sfortuna, le storie spesso hanno un bel lieto fine.

Annamaria Fusco

Autore: Annamaria Fusco

Desiderosa di scoprire lingue e culture diverse dalla propria, si iscrive alla facoltà di Lingue e Letterature Straniere. Da quel momento si innamora della Spagna e del suo meraviglioso idioma. Parola e scrittura sono i due aspetti della comunicazione che più la rappresentano e che coltiva ogni volta che può. E’ dalla laurea che sogna di soggiornare per lunghi periodi in Spagna e pian piano il sogno sta diventando realtà!

Grotta dei soldati: un bel ricordo della II Guerra Mondiale ultima modifica: 2017-08-07T16:42:43+00:00 da Annamaria Fusco

Commenti

To Top