I CASERTANI RACCONTANO CASERTA

itCaserta

NEWS SCUOLA

La Città che vorrei dopo il Covid-19: borse di studio per gli istituti superiori

La città che vorrei, studio

La Città Che Vorrei dopo il Covid-19: nuovi stili di vita e nuove possibilità. È questo il concorso dedicato agli studenti casertani. Si tratta di un modo di renderli partecipi alla vita della città, ma anche per ascoltare il loro punto di vista. Naturalmente non mancheranno i premi. Sono infatti state messe in palio delle borse di studio per i più meritevoli. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

La Città che vorrei dopo il Covid-19: il concorso

L’associazione Gianluca Sgueglia, insieme al Comitato Cittadino Caserta Young, ed in partnership con l’assessorato alla Cultura della Città di Caserta, il Liceo Scientifico A. Diaz e la Coldiretti, ha promosso un progetto rivolto ai giovani studenti degli Istituti Superiori di Caserta, iscritti al 3°, 4° e 5° anno. In palio 3 borse di studio, da 500, 400 e 300 euro, per gli studenti che avranno realizzato gli elaborati maggiormente degni di nota. Il tema è La Città Che Vorrei dopo il Covid-19: nuovi stili di vita e nuove possibilità. Ovviamente, tenuto conto dello stato di quarantena, i ragazzi aderiranno all’iniziativa attraverso il web e nelle modalità specificate dal regolamento.

La Città Che Vorrei, una vista della città

Nonostante la purtroppo forzata modalità virtuale del progetto, a fine pandemia è previsto un grande evento conclusivo. Si tratterà dell’occasione di dar vita ad un dibattito che coinvolgerà soprattutto gli studenti, dal tema Cosa abbiamo imparato dall’esperienza Covid-19, quali nuovi stili di vita possiamo sviluppare e come rendere più green la nostra città.

La voce delle istituzioni

L’assessore alla Cultura Lucia Monaco si è espressa positivamente in merito. «L’iniziativa – ha detto Monaco – è volta, altresì, a promuovere la consapevolezza, il coinvolgimento dei giovani studenti casertani, nella definizione di un modello di città del quale si sentano partecipi e nel quale si sentano responsabilizzati. In sostanza, un’importante occasione affinché i giovani studenti casertani possano essere protagonisti nella costruzione di proposte e soluzioni per migliorare una città che ha grandissime potenzialità di sviluppo, e può riuscirci solo grazie al contributo sempre più forte e sempre più consapevole dei propri cittadini».

La Città Che Vorrei, ragazza scrive al computer

«Siamo certi – si legge nella presentazione del progetto – che i giovani studenti di Caserta sapranno darci suggerimenti validi su come migliorare non solo la città, ma anche la qualità della vita, e siamo sicuri che gli elaborati che essi presenteranno saranno pieni di idee e proposte sui vari temi chiave» Questi ultimi sono: cosa possiamo imparare come cittadini e come membri di questa società dall’esperienza del Covid-19; ridurre l’impatto ambientale; migliorare la viabilità; fare cultura con proposte innovative; cosa possiamo fare per valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale della città; come possiamo accrescere la capacità che la Reggia di Caserta, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, ha nel fare da traino per l’economia cittadina.

Le modalità di partecipazione

Per partecipare bisognerà innanzitutto comunicare l’adesione degli Istituti entro il 10 aprile, scrivendo all’indirizzo email [email protected] Ogni elaborato dovrà poi essere inviato allo stesso indirizzo di posta elettronica, non oltre il 22 maggio. L’email dovrà avere come oggetto la seguente dicitura: Elaborato La Città che vorrei – dopo il Covid-19. Gli organizzatori comunicheranno il numero totale di elaborati inviabili dagli Istituti non appena riceveranno le adesioni di questi ultimi. Cosa aspettate? Correte alle tastiere!

La Città che vorrei dopo il Covid-19: borse di studio per gli istituti superiori ultima modifica: 2020-04-03T11:41:01+02:00 da Mariarosaria Clemente
To Top