PRODOTTI TIPICI E RICETTE

Scrippella mondragonese: un dolce per il fatidico «SI!»

un capolavoro di frittura

L’Epifania avrà pure portato tutte le feste via, ma non la nostra voglia di dolci. Nel nostro territorio, ricco di tradizione, non stupisce che la cucina cammini quasi sempre a braccetto con la cultura popolare. Ne è un degno esempio la scrippella mondragonese, dolce tipico di Mondragone, comune in provincia di Caserta situato tra la piana del Volturno e quella del Garigliano.

Scrippella mondragonese: tradizione prematrimoniale

La scrippella mondragonese è un dolce dalla forma a spirale che viene degustato prima di un matrimonio per augurare fertilità, prosperità e serenità ai coniugi. Il dolce è il pretesto per organizzare una grande festa che si svolge su per giù un mese prima della cerimonia nuziale. Questo rituale comincia alle prime luci dell’alba, quando si inizia a prepara la ricetta. Si tagliano le bucce di limone e la cannella e si lavora l’impasto, che viene lasciato a lievitare per qualche ora. E potremmo dire che il segreto della scrippella mondragonese sta tutto qui: nel suo impasto. Le sue dosi sono conosciute unicamente dalla scrippellara, cioè la donna che ha ricevuto in dono questo sapere da una nonna, dalla mamma o da una zia, che in tempi addietro ricopriva lo stesso ruolo.

Scrippella mondragonese

Ma la scrippellara non è l’unica custode della tradizione. Accanto a lei vi sono delle collaboratrici, solitamente parenti dello sposo o della sposa. Ad esse è affidato il compito di decorare con lo zucchero il dolce, riemerso bello dorato dal pentolone di olio bollente in cui ha fritto. Una volta confezionate, le scrippelle vengono avvolte in una carta bianca assorbente con al centro alcuni confetti augurali, che simboleggiano le nozze. Ad assaggiare queste prelibatezze non sono soltanto gli invitati, ma anche gli amici, i conoscenti, i vicini di casa, invitati o meno alla cerimonia. D’altro canto, il matrimonio è un evento così importante e sacro, che va celebrato coinvolgendo tutti coloro che hanno un legame con gli sposi.

Una ricetta top secret

Si contano sulle dita della mano le donne mondragonesi che conoscono la ricetta della scrippella, tramandata oralmente di generazione in generazione. Quel che è certo sono gli ingredienti: farina, sale, pepe, zucchero, limone, cannella, vaniglia, lievito di birra e di pane, bicarbonato, olio, anice, rum e sambuca. Per ottenere la forma a spirale, la scrippellara adotta un procedimento molto particolare: afferra con una mano l’impasto e lo lavora piano piano con l’altra, fino ad ottenere delle strisce che lentamente vengono adagiate nell’olio l’una di fianco all’altra, così da creare la forma desiderata.

la preparazione

Starete pensando sia un’ingiustizia che a scrippella si possa assaggiare solo in occasione delle nozze. Ebbene, vogliamo tranquillizzarvi! Ogni 10 agosto si svolge l’evento soprannominato Calici di Stelle. Durante la manifestazione, nelle strade del paese vengono allestiti numerosi stand in cui alcune donne preparano le scrippelle per poi distribuirle a quanti saranno curiosi di assaggiarle, oltre ai golosi del luogo che le consumano spesso.

In Italia esistono diverse tipologie di scrippella, ma la versione mondragonese, secondo quanto riportato dagli esperti del settore, ha un sapore unico. Non resta quindi che attendere l’estate per poter fare una capatina sul posto ed assaggiare questa prelibatezza nostrana, facendosi ammaliare dal suo gusto ed ipnotizzare dalla sua forma circolare.

Annamaria Fusco

Autore: Annamaria Fusco

Desiderosa di scoprire lingue e culture diverse dalla propria, si iscrive alla facoltà di Lingue e Letterature Straniere. Da quel momento si innamora della Spagna e del suo meraviglioso idioma. Parola e scrittura sono i due aspetti della comunicazione che più la rappresentano e che coltiva ogni volta che può. E’ dalla laurea che sogna di soggiornare per lunghi periodi in Spagna e pian piano il sogno sta diventando realtà!

Scrippella mondragonese: un dolce per il fatidico «SI!» ultima modifica: 2018-01-15T20:41:01+00:00 da Annamaria Fusco

Commenti

To Top