EVENTI

Settembre al Borgo ritorna in onore di Fausto Mesolella

Settembre al Borgo

Fausto Mesolella e Casertavecchia, due dei simboli della città di Caserta, si fondono in occasione di Settembre al Borgo 2017. Il Festival riapre i battenti dopo due anni, dal 2 al 6 settembre. Questa edizione dedicata al chitarrista casertano sarà intitolata Suonastorie nel borgo delle chitarre, omaggio a Fausto Mesolella. La sfida è quella di garantire l’ingresso libero a tutti gli spettacoli. Il cartellone è molto fitto, ma non mancano gli extra. Tra questi vanno di certo menzionati l’istallazione artistica di un’ arpa di luce, interattiva e luminosa, e l’iniziativa Musica da vendere, che vedrà esibirsi giovani promesse della chitarra. Previste ancora Tra le corde della musica, Voci della Ribalta e Chitarre in Movimento del Simone Magliozzi Trio.

Settembre al borgo

Per l’organizzazione dell’evento c’è stata una vera e propria chiamata alle armi dei tantissimi artisti amici del compianto Mesolella. Tra questi l’attore Massimo Lopez che, alla conferenza del 21 luglio scorso, ha dichiarato: «Sono amico di Fausto e di Caserta: mi piace il basket, seguo le vicende della JuveCaserta sperando che si risolvano positivamente quanto prima e voglio continuare a mantenere questo rapporto, anche se Fausto non c’è più. Avevamo dei progetti da realizzare insieme ma uno scherzo del destino non l’ha permesso: il 24 marzo sono stato ricoverato per problemi cardiaci, lui mi ha chiamato, rassicurandomi e dandomi appuntamento a presto. Il 30 io sono stato dimesso e lui è andato via. Partecipo al ‘Settembre’ col cuore, come per tutte le cose che mi piacciono: ma questa è speciale.».

Durante la stessa conferenza il sindaco Carlo Marino ha detto:« La sfida è quella di raccontare, insieme alla Reggia, le altre realtà della nostra città, e Casertavecchia è una delle più importanti, a maggior ragione dopo che Pasolini scelse, mentre si svolgevano le prime edizioni del Settembre al Borgo negli anni settanta, di girare molte scene del Decamerone proprio nel borgo di Casertavecchia.».

Per la prima volta dopo 45 edizioni Settembre al Borgo è stato organizzato a cura del Comune di Caserta. A questo scopo sono stati utilizzati i fondi messi a disposizione dalla Regione Campania per gli eventi in città.

Il programma di Settembre al Borgo

A partire quindi dal 2 settembre Casertavecchia diventerà un vero e proprio Borgo delle chitarre.
Il primo giorno sarà inaugurato da Raiz e Marco D’Amore, che hanno entrambi alle spalle importanti collaborazioni con Fausto Mesolella. La performance si terrà all’interno del Duomo, e sarà seguita da un tango di Mariemma Porto e Salvatore Biondi e dalla proiezione di Suonerò fino a farti fiorire. Quest’ultima è un’opera di musica e poesia ispirata ad un album di Mesolella. Si continuerà poi col gruppo di musica popolare Nantiscia, appena rientrato dal festival mondiale di musica etnica. Si chiuderà col folk di Teresa De Sio in Piazza Vescovado.

Domenica 3 si riprenderà al mattino col gruppo etnico Taranterrae che si esibirà in Piazza Vescovado. Da non perdere poi l’appuntamento con la giornalista Francesca Nardi, che all’interno del Duomo ci accompagnerà in un viaggio nella storia, intervistando la Contessa di Caserta Siffridina. Sempre all’interno del Duomo si esibirà, nel corso del pomeriggio il Maestro israeliano del mandolino Avi Avital. In Piazza Vescovado invece il violino di Alessandro Quarta sfiderà il ritmo dei Bottari della Cantica Popolare. Nel giardino della Cattedrale si esibiranno poi Marco Poeta, interprete del fado portoghese, ed il chitarrista casertano Luca Mantovanelli. In serata si alterneranno invece in Piazza Vescovado il cantautore napoletano Joe Barbieri, l’artista calabrese Peppe Voltarelli e la cantante Nunzia Carozza, che apriranno la scena ad Eugenio Finardi.

Ron, Baccini e l’omaggio a Luigi Tenco

Lunedì 4 il blues del casertano Lello Panico si fonderà al flamenco del chitarrista Daniele Bonaviri nel Giardino della Cattedrale. All’interno del Duomo si esibiranno invece Michele Ascolese e Antonio De Innocentis con la chitarra che sorride di Armando Corsi, nonché la Compagnia della Città – Fabbrica Wojtyla con le sue note tra le righe. In serata, in Piazza Vescovado, la world music italiana del siciliano Mario Incudine, il duo folk Ilaria Graziano & Francesco Forni e la musica impegnata del calabrese Antonio PascuzzoFrancesco Baccini chiuderà poi le danze in chiave acustica e d’autore, con un omaggio a Luigi Tenco.

Settembre al Borgo

Martedì 5 settembre trionferanno le chitarre: nel Giardino della Cattedrale quelle di Alessandro Chimienti e del jazzista casertano Pietro Condorelli che si esibirà col Vito Di Modugno Trio; nel Duomo quelle di Corrado Sfogli della Nuova Compagnia di Canto Popolare, di Alessandro Finazzo della Bandabardò e di Andrea Castelfranato. Per la serata in Piazza Vescovado Mino De Santis e Tony Canto, seguiti dalla voce di Simona Sciacca. Sarà poi Ron a chiudere lo spettacolo.

La giornata conclusiva

Il gran finale di Settembre al Borgo di mercoledì 6 settembre vedere la presentazione di Taxidi, un vinile di inediti di Fausto Mesolella. La presentazione si svolgerà all’interno del Duomo e sarà seguita da un passo a due della Arabesque Dance Company di Annamaria Di Maio. Nella stessa location chiuderà il festival Massimo Lopez, accompagnato da Franco Mantovanelli e Ferdinando Ghidelli nella lettura dei testi di Mesolella.

Settembre al Borgo

Foto by Bruno

Durante i giorni di Settembre al Borgo verrà realizzato un documentario con la regia di Luigi Scaglione.

Mariarosaria Clemente

Autore: Mariarosaria Clemente

La mia passione è raccontare storie. Ho iniziato a scrivere da piccolissima, poco dopo è nato il mio amore per il cinema ed ho ricevuto la prima macchina fotografica. Parole e immagini, coltivo tutto ciò che mi aiuta a costruire mondi

Settembre al Borgo ritorna in onore di Fausto Mesolella ultima modifica: 2017-08-28T20:38:25+00:00 da Mariarosaria Clemente

Commenti

To Top