MONUMENTI

Il Castello di Rocca D’Evandro, una storia nella Storia

La cittadina medievale di Rocca d’Evandro rappresenta uno splendido esempio di come la natura e la mano dell’uomo abbiano raggiunto un’armonia. Situato su di un colle ai piedi del monte Camino, il paese racchiude in sé tutto lo splendore paesaggistico possibile: da una parte, ritroviamo la vallata del Garigliano tra i monti Aurunci, dall’altra il possente monte Cairo e le Mainarde. Al centro di questo luogo ameno, si colloca il pezzo forte della collezione: il castello. La fortezza rappresenta il punto di partenza per questo viaggio nella storia locale, oltre che essere un esempio di testimonianza dal fascino immutato nel tempo!

Il castello di Rocca D’Evandro: le origini

Si sa, i castelli sono strutture fiabesche, che piacciono a tutti, sia grandi che piccini. Spesso però, non ci si rende conto della loro importanza funzionale, come luoghi di difesa e di fondamentale valore strategico. Grazie alla sua speciale posizione, il castello di Rocca D’Evandro costituì un punto nevralgico di vantaggio nelle battaglie, tant’è che svariate furono le contese che si susseguirono per il suo possesso. La rocca vide la luce molto probabilmente nel X secolo, e fu abitata sin dai tempi dei Romani. Infatti l’origine del nome attinge quasi sicuramente al termine Vandra, antico insediamento romano situato proprio nei pressi delle sponde del fiume Garigliano. Ciò è attestato grazie ai ritrovamenti archeologici dell’antico porto sul corso d’acqua in questione, e alla scoperta di una fabbrica di anfore vinarie. Nel Medioevo, invece, si parla del castello di Rocca d’Evandro asserendo che appartenesse ai conti di Teano.

veduta a volo d’uccello della città di Rocca d’Evandro

È infatti nel 1022 che iniziano a serpeggiare lotte per accaparrarsi l’ambito maniero. Enrico II confiscò queste terre a Pandolfo IV, principe di Capua, e le consegnò all’Abbazia di Montecassino. Pandolfo, però, non si dette per vinto e conquistò alcuni dei territori di Rocca D’Evandro, che cedette ai Normanni. La gestione andò al vassallo di Montecassino, ma l’arrivo di Corrado II in Italia fece sì che venisse ristabilita l’autorità cassinese.

Non c’è pace per il castello: i terremoti e nuovi proprietari

La quiete non mancò di essere turbata. Il castello fu infatti interessato da due colossali eventi sismici, che lo toccarono sia nel 1117 che nel 1349. In seguito, si susseguono non solo svariati restauri, ma anche diversi proprietari( tra cui il fisco ). Nel XV secolo venne definitivamente abolito il feudalesimo, e il forte (agli inizi del XVI) fu ceduto da Re Ferdinando a Ettore Fieramosca, uomo valoroso e duca di Mignano. La sua ubicazione, invero, risultava troppo invitante poiché costituiva un rifugio inaccessibile. Infatti i monaci di Montecassino non esitarono a servirsene: fuggendo lì con tutti i tesori che possedevano, scamparono alle ire funeste di Carlo V, deciso ad invadere il territorio. La possente artiglieria del marchese di Pescara riuscì ad espugnare la struttura, che ancora una volta passò ad una nuova possidente: Vittoria Colonna, sua moglie.

ritratto di Vittoria Colonna, consorte del marchese di Pescara

Acquistato poi da Giandomenico Pelosi, a nome di sua figlia Antonia, il castello fu ampliato e fortificato. Seguirono tanti altri passaggi di mano, che quasi è impossibile quantificare! Solo nel 1980 l’edificio divenne patrimonio del comune, il quale fu spinto da un vivo interesse di riqualificazione e salvaguardia. Infatti il castello era stato ridotto ad un rudere, a causa dei continui interventi bellici e della scarsa manutenzione. Questo maestoso luogo riesce, sia per la sua storia ricca di vicende, sia per la sua ancestrale bellezza, a rapire gli sguardi dei numerosi visitatori. Costituisce, dunque, l’ennesima prova della peculiarità e del fascino dei nostri luoghi del cuore.

Marcella Calascibetta

Autore: Marcella Calascibetta

Scrivo dall’età di sedici anni, e (per fortuna) non ho mai smesso. Sono laureata con orgoglio alla Federico II di Napoli, città che amo e che mi diede i natali. Con mia grande gioia, ho avuto la possibilità di veder pubblicato il mio primo romanzo, dopo tanti anni che era rimasto segregato in un cassetto. Una frase che mi rispecchia? I sogni migliori si fanno da svegli!

Il Castello di Rocca D’Evandro, una storia nella Storia ultima modifica: 2018-01-12T09:25:19+00:00 da Marcella Calascibetta

Commenti

To Top