NEWS

Tasse: al cimitero di Caserta si paga il condominio

lapidi

«Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza per i defunti andare al Cimitero. Ognuno ll’adda fa chesta crianza; ognuno adda tené chistu penziero». Così recitano i primi versi della Livella di Totò. Ma di certo il Principe non poteva immaginare che al cimitero di Caserta, un giorno, si sarebbero pagate anche le tasse. La quota condominiale per essere più precisi.

Le nuove tasse del cimitero di Caserta

È infatti notizia di questi giorni l’introduzione di un nuovo contributo che riguarda i possessori di cappelle, loculi ed edicole gentilizie all’interno del cimitero cittadino. Costoro sarebbero tenuti a pagare 8 euro per ogni loculo. La tassa rientra nelle disposizioni previste da una delibera del 2014, fino ad ora bloccata da un ricorso poi rigettato dal TAR.

denaro

Com’era facile da prevedere i cittadini sono in rivolta per la nuova tassa. Secondo la delibera i soldi derivanti dal pagamento della stessa dovrebbero servire alla manutenzione e alla pulizia degli spazi cimiteriali. Considerato però lo stato non perfetto di alcuni di essi, qualche malelingua vocifera che in realtà le nuove tasse previste per il cimitero di Caserta serviranno solo a rimpinguare le casse comunali in vista della presentazione del bilancio. Qualcuno in proposito sostiene addirittura che per il cimitero di Casapulla sia previsto un contributo di ben 15 euro, ma la voce non è stata confermata.

La comunicazione senza fili

Polemiche anche sulla comunicazione agli utenti dell’imposizione delle nuove tasse. Pare infatti che ai proprietari delle cappelle del cimitero di Caserta sia stata lasciata una missiva sotto la porta, quasi come se fosse un bigliettino d’amore di un timido corteggiatore. È mancata quindi una comunicazione ufficiale, oltre ad una campagna informativa che avrebbe dovuto chiarire ai cittadini il senso del contributo.

sentiero cimiteriale

Inutile dire che ciò che vige al momento è solo una gran confusione: qualcuno afferma di aver già pagato, qualcun altro invece che non lo farà in virtù delle illegittimità di cui sopra. C’è poi il rischio che altri non sappiano nemmeno di doverlo fare, perché una comunicazione recapitata con tali mezzi può essere smarrita con estrema facilità. La differente reazione dei cittadini potrebbe complicare un’eventuale misura correttiva della disposizione, che probabilmente non si farà attendere. Pare infatti che ieri il sindaco Carlo Marino abbia assicurato la revoca della delibera ad un gruppo di Consiglieri che l’ha richiesta in maniera formale. A noi non resta che attendere l’evolversi degli eventi, immaginando cosa ne direbbero il Marchese e il Netturbino, che probabilmente risponderebbero alla missiva con un «Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive: nuje simmo serie… appartenimmo a morte!»

Mariarosaria Clemente

Autore: Mariarosaria Clemente

La mia passione è raccontare storie. Ho iniziato a scrivere da piccolissima, poco dopo è nato il mio amore per il cinema ed ho ricevuto la prima macchina fotografica. Parole e immagini, coltivo tutto ciò che mi aiuta a costruire mondi

Tasse: al cimitero di Caserta si paga il condominio ultima modifica: 2018-01-16T18:57:02+00:00 da Mariarosaria Clemente

Commenti

To Top