ALLA SCOPERTA DELLA REGGIA

Teatro di Corte della Reggia: una meraviglia aperta al pubblico

Teatro di Corte

Si chiama Aperti per Voi ed è il programma del Touring Club Italiano che permette, a partire dal mese di febbraio, di visitare il Teatro di Corte della Reggia. Una grande opportunità quindi per ammirare una delle tante meraviglie presenti nel palazzo reale. Il teatro era infatti utilizzato solo in occasione di eventi o spettacoli, ma da questo 2017 è possibile accedervi tutto l’anno.

Visite tutti i weekend

Da quest’anno i volontari del Touring Club consentiranno a chiunque di visitare il Teatro di Corte della Reggia di Caserta. Quando? ogni sabato e domenica dalle ore 10 alle 13, tranne la prima domenica del mese. Basta acquistare il biglietto per gli appartamenti reali e recarsi direttamente al teatro. Le visite sono organizzate in gruppi per garantire il giusto afflusso di turisti. Si dovrà quindi attendere pazientemente il proprio turno, ma la bellezza del teatro stesso saprà sicuramente ripagare l’attesa.
Tutto questo grazie ai giovani volontari del programma che, per amore della cultura, ci guideranno all’interno di una delle più belle meraviglie della nostra Reggia.

Il Teatro di Corte: riproduzione in scala del San Carlo di Napoli

Inizialmente il Teatro di Corte non era previsto nel progetto originale della Reggia. Nei primi disegni infatti non c’è alcuna traccia del teatro. Venne inserito in un secondo momento, nel 1756, su richiesta dello stesso re Carlo. Visto il grande successo del San Carlo di Napoli, egli voleva dotare anche la sua residenza di un struttura per intrattenere gli ospiti.
Vanvitelli lo inserì quindi nel progetto, posizionandolo nel luogo più oscuro del palazzo. Il motivo? A detta dello stesso architetto “non vi occorre lume e vi rinviene assai a proposito”.

teatro di corte

 

Una volta terminato nel 1768, il teatro fu l’unica sala che Vanvitelli riuscì a completare prima della sua morte. I palchetti decorati con le opere dell’artista Gaetano Magri e il palcoscenico seguono lo stile barocco di tutto il palazzo.
Tra il 1769 e il 1798 nel teatro si susseguirono un numero impressionante di spettacoli: dalle classiche rappresentazioni teatrali fino alle feste da ballo. Questo grazie alla grande passione che i Borbone nutrivano nei confronti dell’arte e della cultura.
L’unica scenografia originale rimasta è una tela di Antonio Joli. Tela che è stata restaurata grazie al contributo di Tom Cruise in occasione delle riprese di Mission Impossible III.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il sito della Reggia di Caserta o a chiamare lo 0823-448084.

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

Teatro di Corte della Reggia: una meraviglia aperta al pubblico ultima modifica: 2017-04-08T16:08:07+00:00 da Gabriele Roberti

Commenti

To Top