NEWS

Una nevicata da record: Caserta nella morsa del freddo

la reggia di caserta coperta di neve

Da alcuni giorni l’Italia è nella morsa di un freddo da record. Temperature in picchiata, gelo e neve stanno interessando moltissime città lungo tutto lo Stivale, con alcuni eventi più unici che rari. Ne sono un vivo esempio le nevicate che stanno investendo, nelle ultime 48 ore, il Centro Sud. Se nella giornata di ieri abbiamo potuto ammirare una Roma in versione bianco Natale, oggi è stato il turno della Campania. Caserta, in particolare, lunedì e martedì si è risvegliata sotto diversi centimetri di neve. Uno spettacolo capace di regalare foto e video indimenticabili, ma anche non pochi disagi.

Soffice e candida neve di febbraio

Nelle scorse settimane i TG nazionali ci avevano messo in guardia sull’arrivo di questo freddo siberiano. In verità quello a cui stiamo assistendo non è il cosiddetto vento della steppa asiatica (Burian), bensì una vera e propria corrente d’aria artica. Un comportamento anomalo del Vortice polare stratosferico, talmente forte da interessare tutta la Penisola. Ed il picco di questo fenomeno si sta avendo proprio in questi giorni, come dimostrano le fitte nevicate che hanno colpito Caserta, una delle città con il più basso indice di nevosità d’Europa.

Casertavecchia coperta di neve

I vicoli del borgo di Casertavecchia la mattina del 27 febbraio

Lo spettacolo offerto ai casertani negli ultimi due giorni è stato un qualcosa di unico. Già dalle prime ore della mattinata di lunedì, sui vari social network impazzavano foto e video con il centro città innevato. Particolarmente suggestiva la Reggia di Caserta, trasformatasi di colpo nella residenza reale di una qualche famiglia imperiale nordica. Nonostante tutto, però, il cielo coperto ha limitato la riuscita di alcuni scatti. Il vento gelido ha anche spinto molti a rinchiudersi in casa, avvolti in un caldo plaid mentre dalla finestra si godevano l’evento (con buona pace di chi non ha potuto prendersela di festa a lavoro).
Stamane invece la musica è stata decisamente diversa. Fiocchi grandi e soffici si sono adagiati sull’asfalto senza quel vento simile al respiro di Jack Frost. A metà mattina un sole caldo ed un cielo limpido hanno poi reso il tutto ancora più suggestivo, soprattutto nelle zone collinari. A Casertavecchia sembrava di girare tra i vicoli di un borgo d’alta montagna. Molta neve – anche se qui il fenomeno è più comune – nell’Alto Casertano, soprattutto nelle zone del Matese e dell’Agro Caleno.

la neve a Vairano Patenora

I boschi di Vairano Patenora

I disagi a Caserta

Ma se per alcuni la neve è stata motivo di gioia, per altri si è tramutata un vero e proprio incubo. La circolazione ha ovviamente sofferto le ghiacciate che hanno interessato il manto stradale alle prime luci dell’alba. Diversi tamponamenti si sono susseguiti nelle varie (e malmesse) strade della provincia. L’Asse Mediano si è trasformato in una pista da curling, registrando un tamponamento a catena tra Piscinola e Scampia che ha coinvolto decine di veicoli. Molte perplessità anche sulla gestione dell’emergenza da parte del Comune. L’ordinanza per chiudere le scuole è stata rilasciata infatti solo nella mattinata di lunedì, poche ore prima dell’inizio delle lezioni (nonostante si sapesse già da giorni della probabile nevicata). E questo, per ovvi motivi, ha provocato non pochi problemi. Bloccati anche i trasporti, con i treni che hanno registrato forti ritardi.

neve a San Nicola La Strada

San Nicola La Strada

Le temperature in città stanno oscillando tra i -7 ed i 2 gradi, con picchi massimi di 6 gradi. Un freddo record che non si registrava dal lontano 1985. Nel 2014 un’altra nevicata aveva interessato la città nella notte tra il 30 ed il 31 dicembre, ma con ben altra intensità. Quello di quest’anno è invece un evento eccezionale proprio perché ripetuto nell’arco di 48 ore. E secondo gli esperti anche nei prossimi giorni potrebbero registrarsi ulteriori fenomeni nevosi, prima del miglioramento previsto nel weekend. Nel dubbio le scuole resteranno chiuse mercoledì, con possibilità di estensione anche a giovedì. Non resta quindi che armarsi di sciarpa e cappello, e godersi i tanti scatti di una Caserta in una veste decisamente insolita.

Casertavecchia e la neve

Un angolo di Casertavecchia

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

Una nevicata da record: Caserta nella morsa del freddo ultima modifica: 2018-02-27T20:43:09+00:00 da Gabriele Roberti

Commenti

To Top