STORIE CASERTANE

Magda Diodato: vivere per danzare, danzare per vivere!

Magda Diodato: la danza a Caserta

Quest’oggi vogliamo raccontarvi una storia incentrata non direttamente su Caserta, ma su uno dei tanti volti che questa città la compongono. Caserta non è fatta solo di cose da vedere, eventi cui partecipare, argomenti di cui discutere, ma anche di persone che, nel loro piccolo, la rendono speciale. Una di esse è Magda Diodato, giovane casertana che ha fatto della danza tutta la sua vita. Noi siamo stati entusiasti di scoprire la sua storia e speriamo lo sarete anche voi.

Magda Diodato e la danza

Magda Diodato inizia a studiare danza a sei anni. Ci racconta che a quell’età non riusciva mai a star ferma e non voleva far altro che danzare. Il suo percorso artistico comincia presso una scuola privata, dove plasma anima e corpo grazie alla guida di insegnanti che la stimolano e seguono con professionalità. Mano a mano che accresce il suo talento, Magda prende coscienza anche delle sue inclinazioni caratteriali. Decide, quindi, di voler intraprendere la strada dell’insegnamento, perché trova molto gratificante osservare i miglioramenti degli allievi e viverli come se fossero i suoi.

Magda Diodato nella scuola di danza a Caserta

In questo percorso Magda viene sostenuta dalla madre, che le fornisce appoggio incondizionato in tutte le sue scelte. Una presenza sempre costante, senza la quale non sarebbe arrivata dov’è adesso. Chi conosce il mondo della danza sa che esso è spesso costellato di sacrifici. Eppure, a sentir parlare Magda, il sacrificio alla fine non pesa: «Il più grande sacrificio? Non me ne ricordo. Quando qualcosa ti rende felice non ti preoccupi dei sacrifici. Le cose vengono in automatico, in modo naturale». D’altro canto, «la danza è riuscita e riesce ogni giorno a regalarmi la libertà di esprimermi, di esternare ciò che ho dentro, mi permette di sentirmi viva ed è l’unica cosa che mi ha sempre stimolata».

Una routine movimentata

Come tutte le persone dinamiche, Magda conduce una vita molto movimentata. «La mia giornata tipo è abbastanza frenetica. Di mattina svolgo lezioni di pilates, di pomeriggio quelle di danza: passo tutto il mio tempo in piedi. Infatti, quando arriva la sera sono distrutta. Ma va bene così! Preferisco fare un lavoro che mi piace piuttosto che soffrire facendone uno statico!». E con una routine del genere, è normale che si passi più tempo in sala che a casa: «La sala di danza è il luogo in cui le ore passano e neanche te ne accorgi!».

Magda Diodato: ama la danza e la insegna a Caserta

«Quando sono in una sala di danza mi sento in pace con il mondo: lì tutti i problemi e le preoccupazioni scompaiono. Danzare ha un effetto terapeutico: cura tutte le ferite, soprattutto quelle interiori!». E’ evidente che per Magda la danza non è solo una disciplina da svolgere, ma un vero e proprio stile di vita che lei ha abbracciato completamente. Un danzatore, infatti, deve possedere uno spiccato talento, ma deve anche avere passione, volontà, entusiasmo oltre alla capacità di resistere di fronte a una routine fatta di pochi momenti di relax e di tanto sudore. Per Magda, quindi, la danza è un’arte formativa, prima di tutto dal punto di vista umano, poi da quello artistico.

Il Centro Studi Danza Attitude di Caserta

È questa consapevolezza che la spinge nel 2015 ad aprire il Centro Studi Danza Attitude, un posto tutto suo dove far crescere i propri allievi. In questo progetto la giovane viene supportata dalla madre e dagli amici, che la consigliano in tutto, accogliendo le ansie, i timori e i dubbi che l’accompagnano nella scelta di questo nuovo percorso. La scuola svolge corsi di danza divisi per età, ciascuno con un programma specifico. In particolare vi sono corsi di danza classica, modern jazz, flamenco, burlesque, pilates. Ogni disciplina ha un suo scopo, un suo metodo, le sue difficoltà e in ciascuna classe si lavora cercando di superare i propri limiti.

Magda Diodato con allieve scuola di danza a Caserta

Foto realizzata da Rossella Roviello

Si tratta di un lavoro/passione molto appagante perché Magda si sente gratificata quando lavora con gli allievi. Renderli partecipi, coinvolgerli in quello che è il suo mondo e che lei desidera diventi anche il loro, la riempie di gioia. «Ogni allievo può darti cose diverse, così come un’insegnante. Si tratta di uno scambio continuo, quindi non ci si annoia mai e le soddisfazioni che se ne traggono sono molte. I miglioramenti degli allievi sono segno che è stato svolto un buon lavoro». Il fine ultimo che Magda vuole perseguire nella sua scuola, quindi, è il raggiungimento di un buon livello qualitativo.

Magda Diodato è un esempio di chi è riuscito a tramutare il sogno in realtà: fare della sua passione il proprio lavoro. A questo si arriva con forza di volontà e tanta umiltà, una dote che contraddistingue la nostra ballerina. «Cosa mi aspetto dal futuro? Spero di continuare a fare ciò che amo, di migliorarmi e crescere sempre di più. Credo sia importante non fermarsi mai e soprattutto non sentirsi mai arrivati. Perché se si è capaci ed in gamba, non occorre ostentarlo. Tutto viene da sé».

Per la foto di copertina si ringrazia Monica Sabatano.

Annamaria Fusco

Autore: Annamaria Fusco

Desiderosa di scoprire lingue e culture diverse dalla propria, si iscrive alla facoltà di Lingue e Letterature Straniere. Da quel momento si innamora della Spagna e del suo meraviglioso idioma. Parola e scrittura sono i due aspetti della comunicazione che più la rappresentano e che coltiva ogni volta che può. E’ dalla laurea che sogna di soggiornare per lunghi periodi in Spagna e pian piano il sogno sta diventando realtà!

Magda Diodato: vivere per danzare, danzare per vivere! ultima modifica: 2017-11-17T18:39:19+00:00 da Annamaria Fusco

Commenti

To Top